Pages

  • Home
  • Fashion
  • Art
  • Photography
  • Beauty
  • Music
  • Press
  • Contact
  • About Us
  • Love
Viral video by ebuzzing

Wednesday, 2 January 2013

British Snob: MODS

1994: Liam e Noel Gallagher durante i loro concerti indossano parka verdi con il cappuccio, hanno i capelli alla “French Crew” e Demon Albarn leader dei Blur si fa immortalare a bordo di una Lambretta super cromata. E’ chiaro a tutti, la terza ondata Modernist è arrivata.  Si proprio loro i Mods, giovani e arroganti, un po’ con la puzza sotto il naso, indifferenti nei confronti della società. Camminano a testa alta, rispettosi e rispettati, con un stile di vita contrario al conformismo, tanto da ribellarsi alle sottomissioni delle imposizioni della gente per bene.  Esperti di moda, approfondiscono la conoscenza della cultura giovanile ascoltando solo musica che conta, quella di qualità, quella moderna. Moderno è l’aggettivo dai significati molteplici che da vita all’etimologia del movimento stesso, Mods è l’abbreviativo di “Modernism” il movimento culturale 100% british che nasce negli anni ’50 e che non ha mai visto il suo tramonto. Non tutti sanno che nasce nei sobborghi della Londra più cupa, quella di Soho, dopo una guerra che devastò città e popolazione, Mods è stile e musica, dove per musica s’intendono tutte le contaminazioni di Rythm&Blues, Jazz, Northen Soul, Bluebeat e Rock Steady.  I ritmi americani erano sofisticati, puliti e rigorosi e i giovani traducevano questi dettami anche nel look. Lo stile era fondamentale per i Mods, quasi una ragione di vita, così come lo era la ricerca di vinili rari, l’assunzione delle PurpleHurts (un tipo di anfetamine), le rivolte contro i rockers e gli skinhead (celebre quella di Brighton nel 1964) e le notti a ballare al Flamingo o allo Scene Club di Soho. Un bersaglio stilizzato simbolo della Royal Air Force è il loro segno distintivo.
Il loro look era ricercato e da come si poteva evincere dal programma serale Rock, Steady Go!, i  capelli erano corti dal taglio pulito alla “Perry Como” o alla “College Boy” senza olii o brillantina; gli abiti sartoriali dal gusto italiano con blazer a due o tre bottoni e pantaloni slim fit, camicia con collo piccolo per poter annodare una sottile cravatta, calzature possibilmente fatte su misura, come quelle bicolor da bowling. Nell’abbigliamento più casual non poteva mancare il Parka, i jeans Levi’s e le polo Fred Perry.  Questo era il tipico look da scorrazzata con le loro Vespe e Lambrette iper-accessoriate da specchietti e marmitte cromate. His Clothes in Carnaby Street, Sam Arkus nel West End, John Stephens in Beack Street erano i negozi di riferimento per i mods; il sabato mattina erano davvero affollati e tra ragazzi si faceva la gara a chi fosse il più cool. Intanto a metà degli anni sessanta gli High Numbers (i futuri The Who) e gli Small Faces diventano delle vere icone Mods, ma un’ondata di rock puro sta coinvolgendo la scena musicale e  Stones e Beatles diventano fenomeni mondiali. Il movimento Mod sembra essere al capolinea, ma è grazie a “Quadrophenia” di Franc Roddam del 1979 tratto dall’omonimo album degli Who del 1973, che i modernisti godono di un importante revival chiamato MOD79.  Le band più importanti del periodo furono quelle dei The Jam con Paul Weller, The Chords, e i Lambrettas. Gli anni ’80 hanno inizio e con il fenomeno delle Fanz-ine la cultura mod riuscì a essere popolare in tutto il mondo, “Faces” e “Drynamil” erano delle vere e proprie raccolte di notizie e suggerimenti per gli amanti della musica e dello stile, attraverso questo tipo di comunicazione alternativa al passaparola, si organizzarono raduni, concerti e si diffuse la conoscenza di nuovi artisti emergenti. Giunti ai giorni nostri, quell’influenza continua a esistere e mentre Liam crea una collezione bio ispirata ai modernist chiamata “Pretty Green” (con il mitico Paul Weller come testimonial), gli Artic Monkeys, i Last Shadow Puppets, Kooks e Kaiser Chiefs omaggiano i loro predecessori con suoni 60s psichedelici.

Mod significa essere qualcuno, non qualcosa (Jam, 1978 To be someone).















































Monday, 10 December 2012

New trend: Iridescent

FW12 Blumarine



Finiture specchio, metalliche illusioni, riflessi di luce e immagini doppie.
Il gioco dei materiali metallici e un mix di colori iridescenti si riconferma come forte trend anche per la prossima stagione PRE-SPRING 2013.
Osservati i materiali proposti nella fiera del settore accessori, LineaPelle, i materiali dalle superfici cangianti rimangono un must!

Con tocchi e vibrazioni che entrano nel vivo delle reminiscenze anni '90, soprattutto per quanto concerne i capi di abbigliamento sportivo, lo specchio sfonda ogni tipo di ostacolo entrando con prepotenza su abiti e accessori, incluse le calzature.

Tra gli stilisti che maggiomente hanno interpretaro i trend ci sono l'Inglese Stella Mc Cartney che propone anche nuove varianti per la sua IT-bag Falabella, Husseyn Chalayan e Proenza Shouler, Blumarine per la stagione A/W12 and Jonathan Saunders.

Per giocare e stupire!


 
Dr Martens
Gold holographic snakeskin effect on foil
lands-of-dreams.tumblr.com
Holographic snapback cap
Holographic leather
Holographic-coated leather at Lineapelle autumn/winter 2012/13
Holographic bag by Starstyling
Dion Lee FW13
Roberto Piqueras




Holographic shoe
holographic tape yarn
Metallics
Holographic print dress by David West, photographed by Kope | Figgins
Metallic
Holographic
Holographic
Holographic
SS13 - Burberry Prorsum
SS13 - Jonathan Saunders
SS13 - Jonathan Saunders
SS13 - Jonathan Saunders
SS13 - Jonathan Saunders
seen tumblr
Metallic suits
Metallic suits
Metallic swimwear
XX Cover Album
Metallic cuff
seen tumblr
Topshop metallic leather skirt
Dior
seen tumblr
Burberry Prorsum
seen tumblr
seen tumblr
seen tumblr
seen tumblr
Le Vernis - Chanel - Holographic
seen tumblr
Holographic Snake Leather
Metallic Pants
seen tumblr
seen tumblr
seen tumblr
Roberto Cavalli Boots
Metallic colored Dress
Husseyn Chalayan
Iridescent shoes



Metallic Colored Dress


 
SS13 Burberry Prorsum
SS13 Burberry Prorsum
SS13 Burberry Prorsum
SS13 Burberry Prorsum
SS13 Burberry Prorsum
Depeche Mode - It's no Good
SS13 Burberry Prorsum
SS13 Burberry Prorsum
L'Uomo Vogue - December 2012
L'Uomo Vogue - December 2012
 

Older Posts Home